Home Qualità d'impresa e lean philosophy Organizzazione, ordine e pulizia con il metodo Lean 5S!

Organizzazione, ordine e pulizia con il metodo Lean 5S!

2

In questi giorni è in corso una formazione, ai reparti produttivi e agli uffici di un’azienda mirata all’applicazione del metodo Lean 5S, che permette in cinque passaggi di ottimizzare gli standard di lavoro e di migliorare sensibilmente le performance operative.

PASSAGGI:

  1. SEIRI – SEPARARE

separare il necessario dal superfluo, eliminare il superfluo

  1. SEITON –ORDINARE

ordinare i materiali in posizioni ben definite per eliminare i tempi di ricerca

  1. SEISO – PULIRE

pulire e ordinare sistematicamente le varie aree di lavoro, scoprire i problemi

  1. SEIKETSU – STANDARDIZZARE

definire e formalizzare nuovi standard di pulizia, ordine e livelli di stock

  1. SHITSUKE – MANTENIMENTO

supportare il miglioramento continuo

La messa in opera delle 5S inizialmente può portare alla creazione di alcuni tipi di resistenze. Tra queste possiamo evidenziare la mancata comprensione dell’importanza delle 5S nell’organizzazione, la resistenza a mantenere le buone prassi nel tempo, e la percezione di perdita di produzione con le operazioni di pulizia e riordino del perimetro di lavoro.

Quindi l’applicazione delle 5S deve essere seguita attentamente e in modo accurato con la formazione e l’affiancamento in ottica Lean Organization, per evitare di rendere vano l’impegno dell’azienda.

Molti sono i benefici che il lavoratore può trarre dall’applicazione di questo sistema, tra i quali:

  • postazione di lavoro più piacevole;
  • minore sforzo nelle attività produttive;
  • maggiore soddisfazione nel lavoro;
  • maggiori input creativi.

Altresì i benefici che può trarne l’azienda includono:

  • riduzione dei tempi produttivi;
  • maggiore qualità del prodotto;
  • incremento della soddisfazione del cliente;
  • crescita ordinata dell’azienda.

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Le competenze del futuro? Soft Skills

Oggi le competenze del futuro si chiamano Soft Skills e non sono abilità specifiche, ma pi…