Home Risorse umane e formazione Consulente d’Impresa…cos’è in realtà?

Consulente d’Impresa…cos’è in realtà?

0
Consulente di direzione

Vedere il campo

Nel film, Bagger Vance (Will Smith) è il portaborse di colore di un campione di golf in declino (Matt Damon). Egli  riuscirà,“da buon consulente”, a far ritrovare al campione la fiducia in se stesso e la capacità di “vedere il campo“, ossia di ritrovare autostima e coraggio.

Un Consulente di valore, allo stesso modo, riesce a far vedere all’imprenditore “la giusta strada” che, per mille motivi, sembra sparita,  riportando l’Azienda verso la crescita.

AAC Consulting
Consulente di Direzione Apco
CMC,
Fondatore di AAC Consulting,
Qualificato A.I.F. Associazione
Italiana Formatori.

Il Consulente di Direzione e la sua attività

Nell’articolo scritto da Armando Caroli per Capitale Intellettuale dal titolo Ma in realtà cos’è il Management Consultant ?  c’é una frase molto bella: “Un bravo imprenditore, o un capace
manager, non è tale perché sa e sa fare tutto, ma perché conosce risorse che sono in grado di fare proprio ciò che serve, al momento giusto e con il grado di qualità attesa”.

Risorse che possono essere quindi interne o esterne all’azienda come nel caso del Management Consultant o Consulente di Direzione.

Sappiamo tutti che per un buon funzionamento di un’azienda occorre che il Capitale Umano lavori bene, solo così l’azienda cresce e guadagna. Le Risorse Umane, però, sono persone e le persone non possono avere tutte le competenze e le conoscenze necessarie e comunque anche nella migliore delle ipotesi,  le Risorse Umane vanno continuamente aggiornate e allenate.

Ecco perché le figure Esterne ad un’ azienda sono necessarie, perché solo chi ha un mix di expertise e una buona dose di esperienza, maturata in anni di attività, può avere la capacità di indicare la strada anticipando gli eventi.

Perché in Italia il Consulente di Direzione a volte ha una connotazione negativa

Caroli lo spiega molto bene. Per anni, in Italia, la figura di consulente è stata associata a grossi costi e pochi benefici. Soprattutto nella Pubblica Amministrazione i compensi milionari di consulenti non sempre seri e trasparenti, hanno fatto si che questa leggenda si alimentasse a scapito di chi questo lavoro lo fa con serietà e passione. Nel resto del mondo le cose non stanno così ed il Management Consultant è una figura professionale ben definita che viene associata a nuove opportunità e crescita.

Nella realtà aziendale, fortunatamente anche in Italia, le aziende che vanno meglio sono proprio quelle che fanno ampio uso della consulenza e delle Academy,  vedi AGCO, CFT e EFFEGIDI.

Gli esempi potrebbero continuare e sono segnali concreti : chi ha voglia di crescere ed essere innovativo punta sulla consulenza e sulla formazione continua delle proprie Risorse.

Consulente di direzione
Aree d’intervento del Management Consultant

Le 3 caratteristiche di un Consulente di Direzione

La vita del consulente è lunga e tortuosa, ci dice Caroli, ma le soddisfazioni sono immense, soprattutto, come nel caso di AAC Consulting, quando, con i propri clienti si creano relazioni lavorative che continuano per decenni !

Le caratteristiche che deve avere un buon consulente di Direzione sono:

  1. La capacità di avere la visione dei processi e far comprendere ai manager di un’azienda la connessione causa-effetto
  2. La capacità di avere sistemi di controllo efficaci e tempestivi, e la capacità di creare un sistema organizzativo che sappia riconoscere i problemi
  3. La terza caratteristica, forse la più importante, un mix di competenze ed abilità costruito nel tempo attraverso ore di formazione e consulenza in differenti realtà organizzative ed aziendali.

Sapersi fidare di un Consigliere esterno non è facile, significa aprire le porte della propria azienda svelandone i lati oscuri e le difficoltà, ma quando questo succede i risultati arrivano e spesso sono migliori del previsto.

 

E’ senz’altro possibile insegnare ad un tacchino a salire sugli alberi. Perché però non assumere uno scoiattolo?»                                                                                                       (Proverbio cinese anonimo)

 

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda anche

Organizzazione e Strategia, i temi di ImpresaLab 3

Un format di successo, ImpresaLab si avvicina al terzo incontro Organizzazione e strategia…